Home - Documenti - RELAZIONE DEL MAGISTRATO SULL’ATTIVITA’ SVOLTA DALL’ASSOCIAZIONE NELL’ANNO 2015

RELAZIONE DEL MAGISTRATO SULL’ATTIVITA’ SVOLTA DALL’ASSOCIAZIONE NELL’ANNO 2015

RELAZIONE DEL MAGISTRATO

La Misericordia di Portoferraio, fondata nel 1566 per sopperire alle sempre crescenti necessità della comunità locale, è iscritta al registro regionale delle associazioni dal 1994.
Al 31/12/2015 risultavano inscritti n. 1018 Confratelli di cui n. 199 effettivi.
Nel corso dell’anno 2015 sono state portate avanti e sviluppate le consuete attività che, per meglio sintetizzarne i risultati, vengono suddivise nei seguenti settori primari di intervento.

1 – ASSISTENZA E TRASPORTI SANITARI
Pur con sempre maggiore difficoltà, dovute principalmente alle nuove normative che colpiscono questo settore, la Misericordia ha continuato la propria attività senza sosta con le tre ambulanze in dotazione, il pulmino dei servizi sociali e le due automediche. Nel corso del 2016 sarà sostituita una delle ambulanze con un mezzo più moderno ed efficiente, la cui inaugurazione avverrà durante il prossimo meeting delle Misericordie Toscane di settembre.
Come di consueto sono stati assicurati i servizi in convenzione con la Regione Toscana: trasporti di emergenza/urgenza richiesti dalla centrale operativa “118” di Livorno, trasporto di pazienti in dialisi o per trattamenti medici vari richiesti dall’Azienda Sanitaria o dai medici di famiglia.
E’ stato garantito a numerose associazioni sportive il servizio di assistenza in concomitanza di gare sportive e/o manifestazioni varie in ambito locale.
Gli automezzi addetti ai servizi sanitari hanno percorso nell’anno 2015 complessivamente 70.584 chilometri (85.840 km erano stati percorsi nel 2014) effettuando n. 2.033 interventi (1.636 erano stati effettuati nel 2015) nel numero dei servizi abbiamo considerato i numerosi servizi resi ai comuni di Portoferraio e Marciana per l’accompagnamento di diversamente abili presso le scuole cittadine che ci hanno visti impegnati durante tutti i giorni di apertura dell’anno scolastico.

2 – ASSISTENZA SOCIALE
Questa Arciconfraternita, fedele ai principi cristiani che da secoli la ispirano, ha proseguito l’opera di assistenza al prossimo bisognoso di aiuto.
Per l’espletamento dei servizi sociali è stato impiegato un automezzo Renault Trafic, iniziando a collaborare anche con la parrocchia di San Giuseppe nella raccolta dei generi alimentari presso i supermercati di Portoferraio, prima una sola volta a settimana e di recente siamo passati a due volte. Su richiesta di famiglie bisognose ci attiviamo per il trassporto di anziani a fare la spesa ed anche nell’accompagnamento di disabili semplicemente a fare delle passeggiate, si è inoltre provveduto ad elargire, in accordo con i servizi sociali, a famiglie in difficoltà economiche buoni spesa o contributi vari.
Tra i servizi di assistenza sociale continua, ormai dal 2012, la convenzione con il Tribunale di Livorno con la quale la Misericordia si è resa disponibile ad eseguire progetti di reinserimento sociale per persone condannate allo svolgimento di servizi di pubblica utilità o di messa alla prova in alternativa alle pene detentive. Tale servizio viene svolto con la collaborazione dell’UOPE del Tribunale di Livorno e delle forze dell’ordine incaricate dallo stesso Tribunale, numerosi fino ad oggi gli “utenti” che hanno usufruito di questo servizio.

3 – SERVIZI DI PROTEZIONE CIVILE
Il servizio di protezione civile è assicurato da un consistente gruppo di volontari appositamente addestrati ed in possesso dei requisiti di idoneità richiesti dalle vigenti normative (in particolare per quanto concerne il personale addetto al servizio antincendio). Per tale servizio è utilizzato un veicolo fuoristrada (tipo Nissan Pick-up) dotato di modulo antincendio, che era concesso in comodato d’uso dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e che da quest’anno (2016) è invece entrato nella nostra proprietà.
E’ inoltre presente un nuovo mezzo di protezione civile, un VM90 IVECO acquistato dall’Esercito Italiano, rimesso in sesto dai nostri volontari ed equipaggiato, all’occorrenza, da idonee attrezzature tra le quali 2 pompe idrovore (una donata dal comune di Portoferraio ed una della colonna mobile delle Misericordie livornesi), un gruppo elettrogeno, una tenda per sei persone completa di lettini ed altri equipaggiamenti vari.
L’U.O. di Protezione Civile opera sulla base di apposite convenzioni stipulate con il comune di Portoferraio (quale parte integrante della squadra di protezione civile comunale) e con la Regione Toscana (tramite la struttura regionale delle Misericordie).
Nel corso del 2015 non sono stati molti, per fortuna gli interventi operativi, si è trattato perlopiù di assistenza a varie manifestazioni di rilevanza nazionale, tra cui Lucca Comics e la visita di Papa Francesco a Firenze che ci ha visti impegnati nell’accompagnamento di diversamente abili dalla propria abitazione allo Stadio fiorentino nel quale ha celebrato la Santa Messa il Santo Padre in un clima di irreale tranquillità.

4 – INIZIATIVE RELIGIOSE E CULTURALI
Nel corso dell’anno sono state ricordate e celebrate tutte le principali ricorrenze religiose previste dal calendario dell’Istituzione e nel rispetto della tradizione delle comunità locali:
• Processione del Venerdì Santo;
• Processione di San Cristino Martire Patrono della Città – 29 aprile;
• S. Messa in suffragio dell’Imperatore Napoleone Bonaparte secondo il legato del Principe Demidoff – 5 maggio;
• Festa dell’Ascensione al colle di Santa Lucia;
• Celebrazioni in onore della Vergine Lauretana – 10 dicembre.

Il Museo della Misericordia annesso alla Chiesa, dove sono conservati tra l’altro i cimeli napoleonici, nel corso dell’anno è stato aperto al pubblico grazie all’interessamento del gruppo di volontariato culturale quasi tutti i giorni,consentendo la visita di circa 3.000 ospiti.
Sempre con il gruppo del volontariato culturale è stata stipulata una apposita convenzione con l’università degli studi de L’Aquila con la quale è stato avviato un percorso di studi che ha interessato in primis il cimitero monumentale ed in particolare l’esedra ed anche alcune delle opere presenti nei nostri locali attigui la chiesa.
Nei prossimi mesi parte di questo lavoro sarà presentato in appositi incontri pubblici a cura dei due Confratelli Consiglieri delegati alla cultura che sono Maria Teresa Bianchi e Alessandro Pastorelli.
Nel corso dell’anno abbiamo provveduto al restauro della Mater Dolorosa, la vergine che accompagna il Cristo durante la processione del Venerdì Santo. Il restauro, curato dallo studio Bacci di Arezzo è durato circa tre mesi , ma ci ha ridonato una splendente Madonna che è stata poi ripresentata alla città nel mese di marzo nel Duomo di Portoferraio.

5 – CIMITERO – CHIESE
Nel 2015 sono stati realizzati dei nuovi loculi in un area non utilizzata del cimitero, nel primo ripiano a destra, dove inizialmente,vi era stato costruito un magazzino (anche se in origine avrebbe dovuto esserci la sala del commiato).
Il Magistrato ha ritenuto, che, per dare uniformità in quella zona fosse necessario fare questo cambiamento, con l’opera di demolizione del magazzino che ha portato alla costruzione di 35 loculi e dieci tombe a terra che hanno completato l’area prescelta.
Con l’occasione, è stato rifatto ex novo il bagno, prevedendone anche l’utilizzo per i diversamente abili.
Il Magistrato ha anche deliberato la pulizia dei perimetri esterni del cimitero due volte l’anno, con apposita macchina trinciatrice, così da dare un decoro a tutta l’area anche esterna.
Durante le prime opere di pulizia ci siamo conto che i fossi che costeggiano il cimitero proteggendolo dagli allagamenti ,erano completamente ostruiti, si è provveduto quindi al ripristino dei fossi che ora sono ben visibili ed hanno ripreso la loro normale attività.
Numerosi sono gli interventi di manutenzione di cui necessiterebbe il nostro cimitero, grazie anche al contributo dei servizi sociali stiamo procedendo con una borsa lavoro che ci permette di garantire lavori urgenti ed improcrastinabili.
Al momento non abbiamo proseguito con la progettazione della stanza del Commiato proprio per poter investire maggior tempo e risorse nelle manutenzioni dell’esistente, ritenendo però necessario nei prossimi anni pianificarne la costruzione magari andando a progettare nella zona alta della proprietà, zona che non sarà possibile adibire ad area cimiteriale.

6 – CENTRO ASCOLTO PREVENZIONE USURA
Attivo fin dai primi mesi del 2010 continua la sua opera il centro di ascolto della Fondazione Toscana Prevenzione Usura, il centro viene portato avanti con enorme sacrificio da due nostri volontari che sempre più di frequente incontrano famiglie/imprese in difficoltà economiche cercando di portarle fuori dal rischio usura.
La Fondazione Toscana Prevenzione Usura, tramite i centri distribuiti nella maggior parte delle Misericordie della Toscana, cerca di dare una risposta al crescente numero di richieste di aiuto da parte di persone/famiglie/aziende in sofferenza finanziaria affinché queste non si rivolgano ai canali oscuri dell’usura.
Non sono mancati, anche in questo campo, i successi della nostra opera di Misericordia.

Conclusioni
Il Magistrato, nel rispetto degli impegni secolari assunti dall’Istituzione nei confronti della comunità e degli enti istituzionali che la governano, conferma l’intenzione, ove le risorse economiche lo consentano e con l’aiuto della Divina Provvidenza, di incrementare tutti i settori di attività in precedenza enumerati, riservando particolare considerazione per i servizi assistenziali e sociali.
Iddio ve ne renda merito

Portoferraio, 23 luglio 2016
IL MAGISTRATO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Top